CONSENSO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI ai sensi degli artt. 6, 7 del Regolamento UE 679/2016












Dichiaro di avere letto e compreso il contenuto dell’ informativa rilasciata ai sensi degli artt. 13, 14 del Regolamento.
Il/La sottoscritto/a dichiara inoltre di:




al trattamento dei dati per le finalità di marketing e profilazione e, specificatamente, per attività di marketing diretto (invio - anche tramite e-mail, SMS e messaggistica social di materiale pubblicitario e di comunicazioni aventi contenuto informativo e/o promozionale in relazione a prodotti o servizi forniti e/o promossi dal Titolare o da suoi partner commerciali, ivi compresi omaggi e campioni gratuiti).



allo svolgimento di attività di profilazione individuale o aggregata e di ricerche di mercato volte, ad esempio, all’analisi delle abitudini e delle scelte di consumo, all’elaborazione di statistiche sulle stesse o alla valutazione del grado di soddisfacimento dei prodotti e dei servizi proposti

SICILIA - PANTELLERIA

PANTELLERIA. La Perla Nera del Mediterraneo


Sospesa tra l’Italia e l’Africa (120 km dalla Sicilia, 70 km dalla Tunisia), con oltre 50 chilometri di costa ma senza spiagge. Pantelleria è tutta un gioco di colori scuri e contrasti (proprio per la sua origine vulcanica), acque blu cobalto e paesaggi di roccia. Lo scrittore Giosuè Calaciura la definisce: «Drammatica e soave, inquietante e dolcissima, nera di lava e d’ossidiana, verde di uva di Zibibbo, di capperi e ulivi, azzurra di lago, indaco di mare, Pantelleria è un confine non solo geografico, è una frontiera che accoglie, è un luogo che ci ricorda quanto sia fragile e al tempo stesso eccezionale la condizione umana».

Isola dove tutto è naturale e tutto è artificiale, ovunque tracciata da chilometri di muretti a secco in pietra lavica e da terrazze di piccole dimensioni dove viene coltivata la vigna ad alberello molto basso, in un contesto di viticoltura che richiede un impiego molto elevato di manodopera ed è stata inserita dall’Unesco tra i beni patrimonio dell’umanità. L’autunno è perfetto per visitarla durante la vendemmia dello Zibibbo.

 

 

La seconda coltura più importante dopo la vite è costituita dal cappero Igp, ma va segnalata anche un’altra produzione di nicchia molto prestigiosa, quella dell’origano. Ingredienti che costituiscono la base dell’insalata pantesca insieme a patate, olive, pomodoro e cipolle, un piatto semplice e gustoso da gustare insieme al pesto dantesco, e a una granita di gelso, guardando da lontano la Tunisia seduti al tavolo di un ristorantino, in un tranquillo villaggio di pescatori.